Quando gli alunni diventano poeti

"Quella che il bruco chiama bene del mondo, il resto del mondo lo chiama farfalla".

Se è vero che il tempo trascorso a scuola è un tempo di crescita, questa affermazione è ancora più vera se pensiamo alla scuola ai tempi della DAD. La lontananza dalla quotidianità ha fatto riscoprire agli alunni il senso profondo della realtà scolastica, che finalmente non è più una valutazione sterile numerica, ma diventa momento di incontro, di socialità, di scoperta di sé e dell'altro. La classe, i compagni ei documenti sono diventati simbolo di vita, di gioia e di amore.

Questo è quello che emerge dalle poesie scritte dagli alunni della classe 1 Una scuola secondaria di primo grado dell'IC La Giustiniana: alcune semplici, altre più elaborate, ma tutte sincere e immediate.

BUONA LETTURA!

 

https://sway.office.com/EMy8exyo2sFELpRI?ref=Link&loc=play

 


Stampa